Luisa Piccarreta Luisa la Santa Luisa Corato torre disperata  e Sant'Annibale di francia   confessore Don Benedetto Calvi Padre Bernardino Bucci Rosaria Bucci Luisa La Santa di corato bari italia la grande Mistica    
 

 
 
 
 
         
biografia: Luisa e la Madonna :Raccolta di memorie :brani scelti: Pensieri giornalieri :Riflessioni:reliquie:Diari
preghiere inedite :varie e informazioni: confessori e vescovi :  Rosaria Bucci :processo diocesano: casa di spiritualità
 
Preghiere  

BIOGRAFIA

 
   
 

 

La Serva di Dio Luisa Piccarreta nacque a Corato, in provincia
di Bari, il 23 aprile 1865 ed ivi morì in concetto di santità
il 4 marzo 1947.
Luisa ebbe la fortuna di nascere in una di quelle famiglie
patriarcali, che ancora resistono nei nostri ambienti pugliesi e
amano vivere in aperta campagna, popolando i nostri caseggiati.
I suoi genitori, Vito Nicola e Rosa Tarantino, ebbero cinque
figlie: Maria, Rachele, Filomena, Luisa ed Angela. Maria,
Rachele e Filomena si sposarono. Angela, chiamata comunemente
Angelina, rimase nubile accanto a sua sorella Luisa fino
alla sua morte.
Luisa nacque la domenica in Albis e fu battezzata lo stesso
giorno. Il papà – poche ore dopo la nascita – l’avvolse in una
coperta e la portò in parrocchia ove le fu amministrato il Santo
Battesimo.
Nicola Piccarreta era fattore di una masseria, di proprietà
della famiglia Mastrorilli, situata al centro delle Murge, in località
Torre Disperata, a 27 chilometri da Corato. Chi conosce
questi luoghi può apprezzare la solennità del silenzio che vi
regna, immerso tra le colline assolate, spoglie e pietrose. In questa
masseria Luisa trascorse lunghi anni della sua fanciullezza e
della sua adolescenza. Davanti al caseggiato esiste ancora l’imponente
e secolare albero di gelso, con una grande cavità nel
tronco, nella quale Luisa, fanciulla, si nascondeva per pregare,
lontana dagli occhi indiscreti. È in questo luogo solitario ed
assolato che iniziò per Luisa quell’avventura divina che la condurrà
sui sentieri della sofferenza e della santità. Infatti, fu proprio
in questo luogo che ebbe a soffrire pene indicibili per gli
assalti del maligno, che a volte la tormentavano anche fisicamente.
Luisa, per essere liberata da tale sofferenza, ricorreva
incessantemente alla preghiera rivolgendosi, in particolar modo,
alla Vergine Santissima che la consolava con la sua presenza.
La Divina Provvidenza conduceva questa fanciulla per sentieri
così misteriosi tanto da non conoscere nessuna gioia fuorché
Dio e la sua Grazia. Infatti, il Signore un giorno le disse:
«Io girai e rigirai la terra, guardai una per una tutte le creature,
per trovare la più piccola fra tutte. Fra tanti trovai te, la più piccola
fra tutte. La tua piccolezza mi piacque e ti scelsi; ti affidai ai
miei angeli, affinché ti custodissero, non per farti grande, ma perché
custodissero la tua piccolezza ed ora voglio incominciare la
grande opera del compimento della mia volontà. Né con ciò ti
sentirai più grande, anzi la mia volontà ti farà più piccola e continuerai
ad essere la piccola figlia della Divina Volontà» (cfr. Volume
XII, 23 marzo 1921).
A nove anni, Luisa ricevette per la prima volta Gesù
Eucaristico e la Santa Cresima, e da quel momento imparò a
rimanere in preghiera per ore intere davanti al Santissimo Sacramento.
A undici anni volle iscriversi all’associazione delle
Figlie di Maria – fiorente in quel periodo – nella chiesa di San
Giuseppe. All’età di diciotto anni, Luisa si fece terziaria
domenicana col nome di Suor Maddalena. Ella fu una delle
prime ad iscriversi al Terz’Ordine, di cui era promotore il suo
parroco. La devozione di Luisa alla Madre di Dio svilupperà in
lei una profonda spiritualità mariana, preludio di ciò che un
giorno avrebbe scritto sulla Madonna.
La voce di Gesù conduceva Luisa al distacco di se stessa da
tutto e da tutti. A tredici anni, dal balcone della sua casa, in via
Nazario Sauro, ebbe la visione di Gesù penante sotto la croce,
che alzando gli occhi verso di lei pronunziò queste parole: «Anima,
aiutami!». Fu da quel momento che si accese in Luisa una
insaziabile brama di patire per Gesù e per la salvezza delle anime.
Iniziarono così quelle sofferenze fisiche che, aggiunte a
quelle spirituali e morali, raggiunsero l’eroismo.
La famiglia scambiò questi fenomeni per malattia e ricorse
all’ausilio della scienza medica. Ma tutti i medici che furono
interpellati rimasero interdetti davanti ad un caso clinico così
unico e singolare. Luisa era soggetta ad una rigidità cadaverica -
anche se dava segni di vita – e non esistevano cure che potessero
sollevarla da queste pene indicibili. Quando tutte le risorse
della scienza terminarono si ricorse all’ultima speranza: i
sacerdoti. Venne chiamato al suo capezzale un sacerdote
agostiniano, Padre Cosma Loiodice, che si trovava in famiglia
per le famose leggi siccardiane; con meraviglia di tutti i presenti,
bastò un segno di croce, che il Padre fece sul povero corpo,
a far riacquistare immediatamente all’inferma le sue normali
facoltà. Partito Padre Loiodice per il convento, furono chiamati
alcuni sacerdoti secolari che con un segno di croce facevano
tornare Luisa alla normalità. Ella ebbe la convinzione che tutti
i sacerdoti fossero santi, ma il Signore un giorno le disse: «Non
perché sono tutti santi, magari lo fossero, ma solo perché sono la
continuazione del mio sacerdozio nel mondo tu devi essere sempre
sottomessa alla loro autorità sacerdotale; non andargli mai contro,
buoni o cattivi che siano» (cfr. Volume I). Luisa sarà sempre
sottomessa all’autorità sacerdotale per tutta la sua vita. Sarà
questo uno dei punti che più la faranno soffrire. Il bisogno
quotidiano dell’autorità sacerdotale per ritornare alle consuete
occupazioni era per Luisa mortificazione più grande. Nei primi
tempi le incomprensioni e le sofferenze più umilianti le
subì proprio da parte dei sacerdoti che la consideravano ragazza
esaltata, matta, persona che voleva attirare su di sé l’attenzione
degli altri. Una volta la lasciarono in quello stato per
oltre venti giorni. Luisa, accettato il ruolo di vittima, venne a
vivere uno stato particolarissimo: ogni mattina si trovava rigida,
immobile, rannicchiata sul suo letto, e nessuno era capace
di stenderla, alzare le sue braccia, muoverle la testa o le gambe.
Come sappiamo era necessaria la presenza del sacerdote che
benedicendola, con un segno di croce, annullava quella rigidità
cadaverica, facendola tornare alle sue mansioni consuete (lavoro
del tombolo). Caso unico: i suoi confessori non furono
mai i suoi direttori spirituali, compito che Nostro Signore volle
riservare a sé. Gesù le fece sentire direttamente la sua voce,
ammaestrandola, correggendola, rimproverandola, se occorreva,
e gradualmente la condusse fino alle vette altissime della
perfezione. Luisa sapientemente fu istruita e preparata, per lunghi
anni, a ricevere il dono del Divin Volere.
L’arcivescovo dell’epoca, Giuseppe Bianchi Dottula (22 dicembre
1848-22 settembre 1892), venuto a conoscenza di ciò
che accadeva in Corato, dopo aver ascoltato il parere di alcuni
sacerdoti, volle prendere sotto la sua autorità e responsabilità
questo caso e, dopo matura riflessione, credette opportuno
delegare un confessore particolare nella persona di Don Michele
De Benedictis, splendida figura di sacerdote, a cui Luisa
aprì minutamente il suo animo. Don Michele, sacerdote prudente,
di santa vita, impose dei limiti alle sue sofferenze ed ella
nulla doveva fare senza il suo consenso. Fu proprio Don Michele
che le ordinò di mangiare almeno una volta al giorno,
anche se subito dopo tutto rimetteva. Luisa doveva vivere solo
della Divina Volontà. Fu sotto questo sacerdote che ebbe il
permesso di rimanere continuamente a letto vittima di espiazione.
Era l’anno 1888. Luisa rimase inchiodata sul suo letto
di dolore, sempre seduta per altri cinquantanove anni, fino alla
morte. È da notare che fino ad allora ella, pur accettando lo
stato di vittima, era rimasta a letto sempre saltuariamente, perché
l’ubbidienza non le aveva mai permesso di rimanere a letto
in modo continuo. Ma dal Capodanno del 1889 vi rimarrà in
via permanente.
Nel 1898 il nuovo arcivescovo Tommaso De Stefano (24
marzo 1898-13 maggio 1906) delegò come nuovo confessore
Don Gennaro Di Gennaro, che svolse tale compito per ventiquattro
anni. Il nuovo confessore, intuendo le meraviglie che il
Signore operava in quest’anima, ordinò categoricamente a Luisa
di mettere per iscritto tutto ciò che la Grazia di Dio operava in
lei. A nulla valsero tutte le ragioni esposte dalla Serva di Dio
per sottrarsi all’obbedienza del suo confessore: nemmeno la sua
scarsissima preparazione letteraria la poté esimere dall’obbedienza.
Don Gennaro Di Gennaro rimase freddo ed irremovibile,
pur sapendo che la poverina aveva frequentato solo la prima
elementare. Ebbe così inizio, il 28 febbraio 1889, la compilazione
del suo diario, ben trentasei grossi volumi! L’ultimo capitolo
fu completato il 28 dicembre 1939, giorno in cui ricevette
l’ordine di non scrivere più.
Alla morte del confessore, il 10 settembre 1922, gli successe
il canonico Don Francesco De Benedictis, che la assistette per
soli quattro anni, perché morì il 30 gennaio 1926. L’arcivescovo,
monsignor Giuseppe Leo (17 gennaio 1920-20 gennaio
1939) delegò come confessore ordinario un giovane sacerdote,
Don Benedetto Calvi, che rimase accanto a Luisa fino alla di
lei morte, condividendo tutte quelle sofferenze ed incomprensioni
che si abbatterono sulla Serva di Dio negli ultimi anni
della sua vita.
All’inizio del secolo, la nostra gente ebbe la fortuna di vedere
aggirarsi per la Puglia il Beato Annibale Maria Di Francia il
quale voleva aprire una casa, maschile e femminile, della sua
nascente congregazione, in Trani. Venuto a conoscenza di Luisa
Piccarreta si recò a farle visita, e da quel momento queste
due grandi anime furono legate inscindibilmente da comuni
propositi. Anche altri illustri sacerdoti frequentarono Luisa,
come, ad esempio, il gesuita Padre Gennaro Braccali, Padre
Eustachio Montemurro, morto in fama di santità, e Don
Ferdinando Cento, Nunzio apostolico e Cardinale di Santa Madre
Chiesa. Il Beato Annibale divenne il suo confessore straordinario
e revisore dei suoi scritti, che man mano venivano
regolarmente esaminati ed approvati dall’autorità ecclesiastica.
Nel 1926 circa, il Beato Annibale ordinò a Luisa di scrivere un
quaderno di memorie sulla sua fanciullezza ed adolescenza. Il
Beato Annibale pubblicò vari scritti di Luisa, tra cui rimase
molto famoso il libro L’orologio della Passione, che ebbe diverse
edizioni, precisamente quattro. Il 7 ottobre 1928, completata
la casa delle suore della congregazione del Divino Zelo in
Corato, per adempiere al desiderio dello stesso Beato Annibale,
Luisa fu trasportata in convento. Il Beato Annibale era già
morto in fama di santità in Messina.
Nel 1938 su Luisa Piccarreta si abbatté una tremenda tempesta:
venne pubblicamente sconfessata da Roma e i suoi libri
furono messi all’indice. Alla pubblicazione della condanna del
Santo Ufficio, ella immediatamente si sottomise all’autorità della
Chiesa.
Da Roma, inviato dalle autorità ecclesiastiche, si presentò
un sacerdote che le chiese tutti i suoi manoscritti, pacificamente
e prontamente consegnati da Luisa. Così tutti i suoi scritti
furono chiusi nelle segrete del Santo Ufficio.
Questo il testo che la Serva di Dio inviò al proprio vescovo in tale occasione.
Fiat! In Voluntate Dei! Io, qui sottoscritta, avendo appreso il decreto
col quale, in data 13 luglio 1938, la Suprema Congregazione del
S. Uffizio condannava all’Indice dei libri da me scritti e pubblicati:
1) L’orologio della Passione di N.S.G.C. con un trattato della Divina
Volontà; 2) Nel regno della Divina Volontà; 3) La Regina del
Cielo nel regno della Divina Volontà; spontaneamente e prontamente
compio il dovere di anima cristiana di umiliare la mia incondizionata,
pronta, piena ed assoluta sottomissione al giudizio della S. Romana
Chiesa, per cui, senza restrizione alcuna, riprovo e condanno quanto
la Suprema Congregazione del S. Uffizio riprova e condanna nei
sopracitati miei scritti pubblicati, nel senso che la medesima Suprema
Congregazione intende. Questa mia dichiarazione la umilio egualmente
al mio amatissimo Arcivescovo Mons. D. Giuseppe M. Leo, implorando
da lui la carità paterna di farla pervenire, per suo tramite, al S.
Uffizio.
Mi firmo,
Luisa Piccarreta da Corato

Il 7 ottobre 1938, per disposizioni superiori, Luisa dovette
abbandonare il convento e trovare una nuova abitazione. Trascorse
i suoi ultimi nove anni di vita in una casa in via
Maddalena, luogo che gli anziani di Corato conoscono bene e
da dove, l’8 marzo 1947, videro uscire la sua salma.
Il vivere di Luisa era stato molto modesto; essa possedeva
poco o nulla. Viveva in una casa ad affitto, assistita amorevolmente
da sua sorella Angelina e da alcune pie donne. Quel
poco che possedeva non bastava nemmeno per la pigione di
casa. Per il suo sostentamento lavorava assiduamente a tombolo,
traendone quel tanto che bastava per mantenere la propria
sorella, in quanto lei non abbisognava né di vestiti né di calzature.
Il suo cibo consisteva in pochi grammi di vivande, che le
venivano presentato dalla sua assistente Rosaria Bucci. Luisa
non ordinava nulla, non desiderava nulla, e rimetteva subito il
cibo che ingeriva. Il suo aspetto non era quello di una persona
morente, ma nemmeno quello di una persona perfettamente
sana. Eppure non stava mai inerte, le sue forze venivano consumate
sia nel patire quotidiano sia nel lavoro, e la sua vita, per
chi la conosceva profondamente, era considerata un miracolo
costante.
Mirabile il suo distacco da ogni guadagno che non venisse
dal suo quotidiano lavoro! Con fermezza rifiutava denaro e regali
vari che le provenivano sotto qualsiasi titolo. Mai accettò
denaro per la pubblicazione dei suoi libri. Così un giorno rispose
al Beato Annibale che le voleva consegnare i soldi derivanti
dai diritti d’autore: «Io non ho nessun diritto, perché quello
che è scritto lì non è mio» (cfr. «Prefazione» al libro L’orologio
della Passione, Messina, 1926). Rifiutava sdegnosamente e mandava
indietro il denaro che pie persone, a volte, inviavano.
L’abitazione di Luisa somigliava ad un monastero, nessun
curioso vi accedeva. Ella era sempre circondata da poche donne,
che vivevano della sua stessa spiritualità, e da alcune ragazze
che frequentavano la sua casa per imparare il ricamo a
tombolo. È proprio da questo cenacolo che uscivano numerose
vocazioni religiose. Ma la sua opera formatrice non si fermava
alle sole ragazze, molti giovani furono da lei inviati ai vari
istituti religiosi ed al sacerdozio.
La sua giornata iniziava la mattina verso le cinque, quando
in casa si recava il sacerdote per benedirla e celebrare la Santa
Messa, officiata dal suo confessore o da qualche delegato: privilegio
ottenuto da Leone XIII e confermato da San Pio X nel
1907. Dopo la Santa Messa, Luisa rimaneva in preghiera di
ringraziamento per circa due ore. Verso le otto iniziava il suo
lavoro che durava fino a mezzogiorno; dopo il frugale pranzo
rimaneva sola nella sua stanza in raccoglimento. Nel pomeriggio
– dopo qualche ora di lavoro – recitava il Santo Rosario. La
sera, verso le venti, Luisa iniziava a scrivere il suo diario; a mezzanotte
circa si addormentava. La mattina si trovava immobile,
rigida, rannicchiata a letto, con la testa piegata a destra, ed
era necessario l’intervento dell’autorità sacerdotale per richiamarla
alle sue giornaliere occupazioni e metterla seduta sul letto.
Luisa morì all’età di ottantuno anni, dieci mesi e nove giorni,
il 4 marzo 1947, dopo quindici giorni di malattia, l’unica
accertata nella sua vita, una forte polmonite. Morì alla fine
della notte, alla stessa ora in cui tutti i giorni la benedizione del
sacerdote la liberava dal suo stato di rigidità. Era arcivescovo
monsignor Petronelli Francesco (25 maggio 1939-16 giugno
1947). Luisa rimase seduta sul letto. Non fu possibile stenderla
e – fenomeno straordinario – il suo corpo non subì la rigidità
cadaverica e rimase in quella posizione come era sempre stato.
Appena si diffuse la notizia della morte di Luisa, come un
torrente in piena, tutta la popolazione si riversò nella sua casa e
fu necessario l’intervento della forza pubblica per contenere la
folla che, notte e giorno, si recava a vedere Luisa, donna molto
cara al loro cuore.
Una voce risuonava: «È morta Luisa la Santa!».

Per contenere tutta la gente che si recava a vederla, col
consenso dell’autorità civile e dell’ufficiale sanitario, la salma
rimase esposta per quattro giorni senza dare segno alcuno di
corruzione. Luisa non sembrava morta, era seduta sul suo letto,
vestita di bianco; sembrava che dormisse, perché come già è
stato detto il suo corpo non subì la rigidità cadaverica. Infatti,
senza sforzo alcuno si poteva muovere il suo capo in tutti i
versi, alzarle le braccia, piegare le mani e tutte le dita; si potevano
alzare anche le palpebre ed osservare gli occhi lucidi non
velati. Tutti la consideravano ancora viva, immersa in un sonno
profondo. Un consulto di medici, appositamente convocato,
dichiarò, dopo attenti esami del cadavere, che Luisa era
realmente morta e che quindi si doveva pensare ad una morte
vera e non ad una morte apparente, come da tutti immaginato.
Luisa aveva affermato che era nata ‘a rovescio’, perciò era
giusto che la sua morte fosse ‘al rovescio’ a confronto delle altre
creature. Restò seduta, com’era vissuta sempre, e seduta dovette
andare al cimitero, in una cassa costruita appositamente,
con i laterali ed i frontali di vetro, in modo che da tutti fosse
vista, come una regina sul suo trono, vestita di bianco, col Fiat
sul petto. Più di quaranta sacerdoti, il Capitolo e il Clero locale,
parteciparono al corteo funebre; le suore a turno la portavano
a spalla, una folla immensa di cittadini la attorniava: le strade
erano gremite fino all’inverosimile; anche i balconi e i tetti delle
case erano affollati di gente, ed il corteo procedeva a gran
fatica. Le esequie della piccola figlia della Divina Volontà furono
celebrate nella Chiesa Matrice dall’intero Capitolo. Tutto il
popolo di Corato seguì la salma fino al cimitero. Ognuno cercò
di portarsi a casa un ricordo, dei fiori, dopo aver toccato la
salma che, pochi anni dopo, fu traslata nella parrocchia di Santa
Maria Greca.
Nel 1994, il giorno della festa di Cristo Re, nella Chiesa
Matrice, Sua Eccellenza Monsignor Carmelo Cassati, alla presenza
di un numerosissimo pubblico e di rappresentanze estere,
aprì ufficialmente il processo di beatificazione della Serva di
Dio Luisa Piccarreta.

 

 
         
     
 

Sito web  realizzato da Padre Bernardino Bucci e dedicato alla grande Mistica di Corato, Luisa Piccarreta.

 
 

Copyright ©  2006  Padre Bernardino Bucci